Predatori e prede

La maggior parte di noi vive rinchiusa nelle città, lontana dal mondo della natura e dalla vita selvatica. I nostri alberi e i nostri prati sono curati, il cibo che compriamo è molto spesso già pronto  e confezionato. La natura non è solo quella dei giardini e non sempre desta meraviglia: può destare anche timore.Continua a leggere “Predatori e prede”

E’ tornato il pettirosso

Dicono che il pettirosso torni a primavera, ma nel mio giardino arriva tutti gli anni a novembre. Il pettirosso vanta una una quantità di miti e tradizioni popolari. Secondo la leggenda più nota, il suo petto si colorò di rosso quando staccò una spina dalla corona insanguinata della testa del Cristo. Per la tradizione piùContinua a leggere “E’ tornato il pettirosso”

Gli uccelli nella mitologia

Si pensava spesso, nell’antichità, agli uccelli come divinità o pensieri delle divinità. Nella mitologia norrena, il dio Odino ha due corvi come messaggeri, Hugin (il pensiero) e Munin (la memoria) Nella mitologia dell’America centrale, il dio dell’aria viene molto spesso raffigurato come un serpente piumato. Nella tradizione dei Nativi Americani, l’Uccello del tuono è unoContinua a leggere “Gli uccelli nella mitologia”

Le emozioni degli animali

 Se potessero parlare ci direbbero “Mi fai male”, “Sono triste”, “Sono felice di vederti”.  Etologi e neurobiologi ne sono sempre più convinti: per quanto riguarda le emozioni l’unica cosa che differenzia animali e uomini è il modo in cui si esprimono.  Agli animali mancano gli organi adatti per articolare il linguaggio e quindi per comunicareContinua a leggere “Le emozioni degli animali”

Bauschan: ritratto di una amicizia

“Il colore di Bauschan è bellissimo. Il manto, di fondo ruggine è tigrato di nero. Perché vi è mischiato anche molto bianco che predomina decisamente sul petto, sulle zampe e sul ventre. mentre tutto il naso schiacciato pare immerso nel nero …….. Del resto può darsi che pure lo sforzo cromatico un po’ arbitrario delContinua a leggere “Bauschan: ritratto di una amicizia”

Follia?

Nel giardino di una casa di campagna, visibile dal marciapiede esterno, un grosso signore con tanto di barba striscia accoccolato per il prato tracciando degli otto, mentre continua a guardarsi indietro e a fare ininterrottamente ‘qua qua qua …’.  È la descrizione che l’etologo Konrad Lorenz ci dà del proprio comportamento durante uno dei suoiContinua a leggere “Follia?”

Il piccolo cane nero

Mi chiedo se Cristo avesse un piccolo cane nero tutto riccioluto e lanoso come il mio,con due lunghe e seriche orecchie, un naso umido e rotondo e due teneri occhi marroni e scintillanti.  Sono sicuro, se lo avesse avuto, che quel piccolo cane nero avrebbe saputo sin dal primo istante che egli era Dio; cheContinua a leggere “Il piccolo cane nero”