Il dolore dell’anima

“Quando scompare, il dolore del corpo non lascia tracce nella memoria; mentre il dolore dell’anima, quando è profondo, non si cancella: può rinascere sulla scia di avvenimenti inattesi, e imprevedibili.”

Eugenio Borgna – La solitudine dell’anima – Feltrinelli, 2013

12 commenti

  1. mic ha detto:

    💖✒️😘Ti auguro una bella mattinata e una giornata di sole, cara Lara ☀️🌹👁️

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Grazie Mic, altrettanto a te! 🌸🌸🌸

      Piace a 1 persona

  2. Buon giorno.
    Non credo proprio che il dolore fisico non lasci ricordi nella memoria.

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      In un primo momento l ho pensato anch’io, ma poi ho ricordato genericamente i mal di denti, le otiti, solo genericamente però.

      "Mi piace"

      1. Senza entrare nei particolari sono stato male qualche anno fa, è il blog è nato in quel periodo, figlia per aiutarmi a passare il tempo me l’ha aperto . Dopo anni ci sono alcune cose che par paura di quel dolore fisico non riesco a fare.

        Piace a 2 people

      2. Lara Ferri ha detto:

        Credo che tu abbia ragione. Ad esempio io ricordo tutte le otiti avute da bambina e ancora oggi tengo le orecchie coperte dai capelli.

        "Mi piace"

  3. Stef555 ha detto:

    Dipende dal tipo di dolore e se abbiamo impressi nella memoria le sequenze che l’hanno determinato. Ciao

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Bravo Stefano, dev essere proprio come scrivi. Grazie di cuore ❤

      "Mi piace"

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Credo che l’autore voglia significare che il dolore dell’anima va a depositarsi in profondità (inconscio?) e rimane colà sopito finché avvenimenti piuttosto recenti lo “risvegliano” e può iniziare una patologia.
    Faceva parte del mio “lavorare” andare a “pescare” certi dolori dell’anima… per renderli incapaci di continuare a “rompere”.
    Ne scrissi un po’ nel mio libro.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Apprezzo molto quanto hai scritto, caro Quarc. Non ricordavo che tu avessi scritto un libro. Ti ringrazio di cuore.
      Buon pomeriggio anche a te!

      "Mi piace"

  5. emcquadro ha detto:

    Il dolore, del corpo o dell’anima, fa il suo compito, cioè ricorda al suo possessore che tutto è effimero, tranne il dolore stesso che permane, più o meno intenso, sotto la pelle, pronto ad affacciarsi ancora.

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Verissimo. Ti ringrazio per le tue parole.
      A presto!

      Piace a 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...