Le cicale

Cominciano agli ultimi di giugno, nelle splendide
mattinate; cominciano ad accordare in lirica
monotonia le voci argute e squillanti.

Prima una, due, tre, quattro, da altrettanti alberi;
poi dieci, venti, cento, mille, non si sa di dove,
pazze di sole; poi tutto un gran coro che aumenta
d’intonazione e di intensità col calore e col luglio, e
canta, canta, canta, sui capi, d’attorno, ai piedi
dei mietitori.

Finisce la mietitura, ma non il coro. Nelle fiere
solitudini sul solleone, pare che tutta la pianura
canti, e tutti i monti cantino, e tutti i boschi cantino…
pare che essa la terra dalla perenne gioventù del suo seno espanda
in un inno immenso il giubilo de’ suoi sempre nuovi amori co’l sole.

Giosuè Carducci

9 commenti

  1. mic ha detto:

    👏👏👏📷👌👌👌✒🌹 Ti auguro una bella domenica, cara Lara🌞😉😘

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Ti ringrazio tanto, Mic. Buona domenica anche a te! ☀️❤

      Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Grazie Allegro, buona domenica anche a te!

      "Mi piace"

  2. Raffa ha detto:

    Buongiorno e buona domenica 🌸

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      Grazie Raffa, buona domenica anche a te!

      Piace a 1 persona

  3. Bergontieleonora ha detto:

    Il canto delle cicale è uno dei suoni più belli dell’estate, 😊. Buona domenica Lara! 🌷🌷🌷

    Piace a 1 persona

    1. Lara Ferri ha detto:

      La penso come te, cara Eleonora. Buona domenica!

      Piace a 1 persona

      1. Bergontieleonora ha detto:

        Grazie! 💕💕💕💕

        Piace a 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...