Il fantasma dell’infanzia

“… Sappiamo bene che la qualità dell’affetto che un essere umano può comunicare a un altro ha sempre una sua tensione, più o meno intensa, proiettiva. Nel caso delle coppie, come i partner di un rapporto di amicizia, accade spesso che il legame si incrini o si appesantisca proprio a causa di una eccessiva tendenza a proiettare contenuti psichici propri nell’altro.

Capita così di essere accusati di tradimento, di poca solerzia d’amore – e chissà quali altre colpe ancora – semplicemente perché ci si fa carico di ciò che l’altro non riesce a percepire di sé.

Sono giochi pericolosi, che possono guastare qualsiasi relazione; tuttavia non è detto che si tratti di guasti irrimediabili, quando si è tra adulti… 

Diversamente, nell’infanzia si è più sensibili e indifesi nei confronti delle dinamiche proiettive o dei meccanismi nevrotici degli adulti. Il bambino, che dipende interamente dal genitore per la soddisfazione dei suoi bisogni affettivi, impara prima di ogni cosa, e a sue spese, a entrare in sintonia con i desideri della madre…

Ogni bambino ha uno speciale intuito nel captare le comunicazioni inconsce, o comunque non verbali, dell’adulto e nel sintonizzarsi esattamente sull’onda emotiva dell’altro, raggiungendo così una comprensione profonda del suo stato d’animo, anche se su un registro essenzialmente emotivo.

Da “Vivere la distanza” di Aldo Carotenuto – Studi Bompiani Editore

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...