I ragazzi della via Pal

Quando ero bambina, avevo un amico della mia età, Stefano. I genitori erano amici dei miei e la famiglia era di quelle “per bene”; la nostra amicizia non conobbe ostacoli per anni.

Frequentammo persino la terza elementare insieme. E fu lì che scoprii che Stefano non amava leggere.
A me, che non vedevo l’ora di rincantucciarmi da qualche parte con un libro in mano, sembrò all’improvviso un alieno. Poi tutti, insegnanti, genitori, nonni, zii, ecc… da quando si era notato che a scuola faceva errori di grammatica, lo supplicavano, rimbrottavano … affinché leggesse.

Ogni volta lui rispondeva che non è che non gli piacesse leggere, a lui piaceva un libro solo: “I ragazzi della via Pal”.

Non mi incuriosì mai quel libro, tranne quando, più grande, mi venne l’idea di comprarlo per mia figlia. Glielo leggevo ogni sera e tutte e due ci innamoravamo sempre più di questa storia.

Dal sito dell’editore Einaudi:

“Questo libro, un classico della letteratura per l’infanzia, regalo obbligato in occasione di influenze e morbilli, riletto oggi potrebbe essere dedicato ai ragazzi di tutte le periferie del mondo, a tutti coloro che non hanno un posto dove stare a giocare.

Le storie di Nemecsek, il gracile figlio del sarto; di Boka, il più forte del gruppo, e degli altri compagni divisi tra Camicie rosse e via Pal, ci conquistano e ci commuovono forse proprio per la loro inattualità.

La guerra a colpi di sacchi di sabbia, tra rischiosi appostamenti, serissimi piani di attacco, eroismi autentici e piccole rivalità, propone un epos, così autentica e per questo così lontana dalla sensibilità del nostro mondo di giochi virtuali. E mostra nel drammatico finale come la dura legge della vita prevalga su qualsiasi contesa, perché a nulla servirà il riscatto di Nemecsek, quando malato andrà sul campo per l’ultima battaglia.”

Scrive ancora lo psichiatra-sociologo Paolo Crepet:

‘ Oggi gli adolescenti non giocano più fuori, ma dentro.

Mai davvero soli tra loro, tra pari.’

I ragazzi della via Pal crescevano svelti, i nostri lentamente.’

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...